riscaldare

Il riscaldamento è la maggior voce di costo del mantenimento di un immobile, questa voce si contiene, in termini di riduzione dei soldi spesi, avendo una casa ben isolata termicamente.
Abitualmente gli impianti di riscaldamento tradizionali utilizzano un fluido, l’acqua, che tramite una caldaia viene scaldata e passando nei termosifoni o gli elementi radianti sottopavimento, riscalda l’aria presente nella casa.
Esistono però anche impianti, con ottime rese e consumi ridottissimi, che utilizzano esclusivamente la corrente elettrica per il loro funzionamento. Sono impianti realizzati con elementi radianti in fibra di carbonio. Utilizzare la corrente elettrica per riscaldare casa può far pensare a bollette elevate, perché siamo abituati ai riscaldatori elettrici tradizionali che per funzionare hanno necessità di grandi potenze e grandi consumi invece con gli elementi in fibra di carbonio è proprio il contrario. La fibra di carbonio ha la caratteristica di essere un pessimo conduttore di elettricità e questo fà si che si scaldi tantissimo al passaggio di una minima quantità di corrente elettrica.
Nelle nuove costruzioni si predilige l’uso del riscaldamento radiante a pavimento che, rispetto ai termosifoni ottimizza la resa dell’impianto e quindi riduce i consumi. Se però utilizzassimo, sotto il pavimento gli elementi radianti elettrici in fibra di carbonio il risparmio economico sarebbe ancora più evidente.
L’ingombro ridottissimo, circa 5/6 mm, dei pannelli in fibra di carbonio permette il loro utilizzo soprattutto nelle ristrutturazioni posandoli sopra i pavimenti esistenti, senza necessità di costose e complesse demolizioni, e possono tranquillamente essere coperti da un parquet pre-finito. Inoltre è possibile utilizzare questi pannelli nelle costruzioni a secco mettendoli all’interno dell’intercapedine delle pareti creando così una parete calda, in questo caso, se l’intervento riguardasse una ristrutturazione parziale degli ambienti, senza modificare l’impianto di riscaldamento esistente. Oppure possono essere installati sotto l’intonaco cementizio e anche in questo caso non avremmo modifiche agli impianti e non perderemmo i benefici di questo tipo di soluzione.
Esiste poi anche la possibilità di inserire gli elementi riscaldanti nel soffitto avendo comunque e anche in questo caso i benefici già evidenziati.




I costi annui di gestione impianto riscaldamento